30 ANNI DI F15E STRIKE EAGLE

La U.S. Air Force considera ancora oggi l’F-15E Strike Eagle uno degli aerei da combattimento multi ruolo più efficienti al mondo.

Schieramento di F-15E Strike Eagle

Al suo 30° anniversario, dopo migliaia di missioni ed operazioni di combattimento in tutto il mondo, “l’anziano” F-15E è ancora uno dei migliori caccia in grado di supportare gli odierni requisiti di combattimento, esso fu progettato come velivolo da combattimento e bombardamento integrando un secondo pilota in grado di occuparsi del rilascio delle armi per l’attacco al suolo. La cabina racchiude monitor, sistemi di controllo ed avionica di ultima generazione, la struttura del velivolo è stata concepita per sopportare un peso maggiore in fase di decollo ed avere una durata doppia rispetto a quella di un tradizionale F-15 Eagle.

Queste avanzate tecnologie permettono all'F-15E di volare sia di giorno che di notte a bassa quota ed in qualsiasi condizione metereologica. Inoltre, può trasportare quasi tutte le armi aria-terra presenti nell’arsenale dell’USAF, inclusi i missili AIM-7F/M Sparrows, AIM-9M Sidewinders e gli avanzati missili a medio-raggio AIM-120. 

 
“Il modo in cui l’F-15E è stato progettato e costruito è ciò che lo rende un aereo così abile e rispettabile” ha detto il Maggiore Michael Jonkhy, assistente al direttore delle operazioni del 335th Flight Squadron, “L’F-15E Strike Eagle può portare molto più carburante ed armi di qualsiasi altro jet multi-ruolo della storia”.

La maggior capacità di carburante permette allo Strike Eagle di restare più a lungo in zona operazioni, fornendo un supporto aereo costante con una riduzione dell’usura. Jokhy ha ribadito come la grande capacità di armi dello Stike Eagle sia un monito ai nemici per ricordarsi che gli Stati Uniti sono la più grande potenza aerea a livello mondiale.


Durante l’Operation Desert Storm dei primi anni 90, un F-15E proveniente dal 335th Flight Sqn. basato a Seymour Johnson, North Carolina, distrusse un elicottero Mi-24 Hind Iracheno con una bomba laser guidata. Inoltre ha dimostrato la propria superiorità ed abilità aria-aria e aria-terra, volando diverse volte in territorio nemico sotto il fuoco della contraerea distruggendo le scorte dei missili Scud.

Durante il conflitto dei Balcani nel 1990 fu l’unico aereo in grado di attaccare bersagli terrestri per giornate intere e sotto qualsiasi condizione climatica. La U.S. Air Force conta oggi 219 F-15E Strike Eagle che utilizza maggiormente per un supporto aereo ravvicinato durante le operazioni di combattimento.

In accordo coi dati forniti dal Dipartimento della Difesa americano, dal 2 dicembre 2016 gli aerei degli Stati Uniti e suoi alleati hanno condotto più di 16.592 attacchi in Iraq e Syria a supporto della Operation Intherent Resolve e lo Strike Eagle ha contribuito a distruggere o compromettere più di 31.900 bersagli appartenenti al OIR al fine di sconfiggere lo stato islamico dell’Iraq e del Levante.

Durante il più recente dislocamento, piloti e navigatori di F-15E appartenenti al 335th Flight Sqn. hanno volato in combattimento oltre 9.250 ore lanciando più di 2.000 bombe ed uccidendo più di 80 membri chiave dell’ISIS.


Per accrescere la capacità offensiva dello Strike Eagle, alla Seymour Johnson i caccia sono sottoposti ad un programma di modernizzazione dei radar da parte della Boeing.
“Stiamo procedendo ad aggiornare tutti i modelli di F-15E” ha detto Jonathan Pierce, leader della divisione f-15E della Boeing Co “questo aggiornamento andrà a migliorare drasticamente le abilità dei radar aria-aria ed aria-terra rendendoli ancora più efficienti”

Il vecchio radar APG-70 a scansione meccanica verrà sostituito con l’APG-82 a scansione elettronica-attiva, un sistema progettato per mantenere le funzionalità del vecchio implementando le missioni in cui può essere utilizzato.

“Quello che mi aspetto di ottenere da questa modifica è di allineare l’equipaggiamento di tutti gli aerei da combattimento dell’U.S. Air Force” ha detto il Cap. Bryan Hladik, pilota del 336th FS, “questo radar migliora nettamente le nostre possibilità di localizzare i punti chiave dell’ISIS anche durante condizioni meteo avverse con un elevato grado di precisione”.


Il Col. Christopher Sage, comandante del 4th Fighter Wing, crede che l’F-15E sia il futuro del combattimento aereo “Nonostante il suo 30° anniversario l’F-15E è ancora una macchina da guerra fenomenale: controlla il cielo e domina la terra. E’ un tassello fondamentale nel mantenere la superiorità dell'USAF nel supporto delle operazioni mondiali e nella difesa nazionale.”

Di Simona Zanetti
Fonte e Immagini: U.S. Air Force

Nessun commento

Powered by Blogger.