FRECCE TRICOLORI PRONTE AD INIZIARE LA STAGIONE 2017

Il Primo Maggio scorso la Pattuglia Acrobatica Nazionale ha concluso il suo periodo di addestramento ed è pronta ad iniziare la Stagione Acrobatica 2017.

Passaggio delle Frecce Tricolori lungo la pista dell'aeroporto di Rivolto

Come da tradizione, alla presenza degli oltre 130 Club Frecce Tricolori, lunedì 1° maggio 2017 si è svolto presso la base aerea di Rivolto l’ultimo volo di addestramento delle Frecce Tricolori prima dell’inizio della Stagione Acrobatica 2017.

A presiedere l'evento, il Capo di Stato Maggiore dell'Aeronautica Militare, Generale di Squadra Aerea Enzo Vecciarelli, accompagnato dal Comandante della Squadra Aerea, Generale di Squadra Aerea Franco Girardi, e dal Comandante delle Forze da Combattimento, Generale di Divisione Aerea Silvano Frigerio.

Gli oltre 7000 appassionati presenti si sono stretti in un lungo applauso al Tenente Colonnello Andrea Saia, Ufficiale dell’Aeronautica Militare ed ex speaker delle Frecce Tricolori scomparso prematuramente la scorsa settimana, al quale è stato dedicato il volo di addestramento.

Debutto per il Maggiore Gaetano Farina nella posizione di Capoformazione delle Frecce Tricolori, mentre il Capitano Franco Paolo Marocco ha fatto il suo esordio all’interno della compagine acrobatica con la posizione di Pony 9, “Secondo fanalino”.

Durante la manifestazione è stato consegnato un assegno dell’importo di €12.000 raccolti durante l'iniziativa di beneficenza promossa dalla Pattuglia Acrobatica Nazionale congiuntamente ai Club Frecce Tricolori a favore della “Lega Italiana Fibrosi Cistica Friuli Venezia Giulia” che fornisce assistenza materiale e morale ai pazienti affetti da fibrosi cistica ed alle loro famiglie.

Il fitto calendario di appuntamenti della 57^ Stagione Acrobatica delle Frecce Tricolori, che si compone di oltre 20 tra esibizioni e sorvoli in Italia, quest’anno permetterà alla Pattuglia Acrobatica Nazionale di stendere il “Tricolore più lungo del mondo” anche in Norvegia, in Belgio ed in Svizzera.

Fonte: Aeronautica Militare Italiana

Nessun commento

Powered by Blogger.